La Fenice Michelle Wie torna alla vittoria

Michelle Wie è tornata alla vittoria dopo quattro lunghi anni e l’ha fatto conquistando il Women’s World Championship. Un trionfo sofferto e pieno di adrenalina, arrivato per un colpo sulle avversarie alla 72esima buca.

Quattro giocatrici in parità e pronte per il playoff, fino a quando la Wie ha tirato fuori la parte migliore del suo gioco.

Ha imbucato il putt per il birdie alla 18 da 10 metri, chiudendo in testa a -17 grazie allo score finale in 65. La Wie ha immediatamente lanciato il pugno verso il cielo in segno di esultanza quando la pallina è scomparsa dentro la buca. Ha dovuto attendere che Danielle Kang e Nelly Korda giocassero per il birdie e quando hanno sbagliato, ha capito che finalmente ce l’aveva fatta.

Vincere è tutto. Intendo dire che non ci sia sensazione migliore di quando ti rendi conto di aver imbucato il putt vincente. È grandioso, davvero,” ha dichiarato la Wie.

Una vittoria sofferta, dopo quattro lunghi anni di fatiche.

Era il 2014 quando la campionessa americana conquistò l’ultimo torneo LPGA con lo US Women’s Open di Pinehurst. Una vittoria che avrebbe dovuto lanciarla verso il primo posto nel ranking ma che invece fu solo l’inizio di un incubo.

Da allora la giovane 28enne ha dovuto rialzarsi e rimettere insieme i cocci del suo gioco troppe volte.

Proprio nell’estate del 2014 fu fermata da un infortunio al dito e negli anni successivi da altri problemi legati ad anca, caviglia e ginocchio.

Lo scorso anno, quando pensava di poter ricominciare, degli spasmi al collo e un’appendicectomia grave, le han fatto saltare gran parte della stagione.

“È stato un viaggio difficile dal2014,” ha continuato la Wie. “È stato tutto documentato. Ho avuto degli infortuni, ho avuto momenti difficili e ho perso fiducia. Sono solo orgogliosa di me stessa per esserne uscita.”

È finalmente tornata e ora, non le resta che continuare su questa strada vincente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.